exomars
La partenza della prima fase della missione ExoMars è avvenuta il 14 marzo da Baikonur, in Kazakistan.
La missione ha un costo complessivo di 1,3 miliardi, l’Italia ne sarà protagonista indiscutibile.
La questione scientifica al centro della missione europea frutto della sinergia fra l’ESA e l’Agenzia spaziale russa Roscosmos, è dimostrare che c’è vita su Marte, a partire dalle presenza di metano nell’atmosfera marziana. E questo avverrà grazie alla tecnologia all’avanguardia fornita soprattutto dalle imprese specializzate italiane.
La teoria che su Marte ci possano essere condizioni adatte allo sviluppo della vita è nata attraverso le osservazioni compiute con i telescopi che hanno permesso di verificare che il pianeta presenta interessanti somiglianze con la Terra.